caricabatteria per alcaline

Scritto in Materiali da clbarba | Nessun Commento »

come sappiamo  le batterie alcaline da 1,5 volts non si possono ricaricare almeno così sta scritto nella confezione e nelle avvertenze……………fino ad oggi.

Da qualche tempo esistono in commercio dei caricabatterie che caricano anche le batterie cosidette non ricaricabili…….non sono normali caricabatterie ma hanno un sistema elettronico che spegne tutto quando le batterie si surriscaldano, che fa un controllo prima di caricare insomma un piccolo gioiellino che costa meno di 30 euro.

Il risparmio è evidente perchè oggi le alkaline costano pochissimo ma chi usa le ricaricabili può sempre ricaricarle con questo carica ………uso alcuni apparecchi che hanno queste batterie e devo dirvi che ad oggi dopo vari test mi trovo bene anzi molto bene con questo carica
quello che ho preso io si chiama revita e lo trovate con google ma se cercate caricabatterie per batterie alcaline ne trovate altre……….

claudio

Sempre il Pozzo di Grancona

Scritto in Eventi da Gianki | Nessun Commento »

Il Pozzo di Grancona atto secondo:
lunedì pomeriggio sera si è giocato il secondo atto in programma per ampliare le conoscenze di questo manufatto. Presenti: folta rappresentanza di Gruppo Grotte Trevisiol e Club Speleologico Proteo. …leggi tutto… »

SABATO 2 AGOSTO AL BUSO DELLE ANGUANE, SI PROSEGUE……

Scritto in Speleosub da splash | 1 Commento »

Abbiamo cominciato qualche mese fa a ispezionare questo sifone, io (Diego), Franco, Laura e Francesco con l’aiuto di Maurizio e Alberto. Le uscite ci avevano occupato nell’allargamento della strettoia e alla sistemazione del filo d’arianna che è una delle specialità di Laura. Solo in una occasione Franco, era riuscito a passare la strettoia e proseguire fino alla sala aerea che si apriva dopo circa 45 m dall’inizio del sifone.

preparazione attrezzature per l'immersione

preparazione attrezzature per l’immersione

 

Laura

Laura in una delle immersioni

Oggi sono con Franco e Maurizio che gentilmente è venuto a darci una mano nella logistica e anche a darci qualche prezioso consiglio. Parto io e dopo qualche minuto Franco. Arrivo alla strettoia dopo circa 15 m di parte subacquea, spero che non si sia richiusa con la ghiaia mista ad argilla, una vera disgrazia perché vuol dire allargare e perciò intorbidire l’acqua, ma invece sono fortunato si può passare, mi fermo, do un’occhiata, la visibilità è buona ma devo constatare che il filo si è spostato in fessura e per il ritorno sarebbe un problema visto la scarsa visibilità che troveremo.

Che faccio?? Decido di risagolare, taglio il filo vecchio e ricomincio dall’ancoraggio più vicino che ho alla mia sinistra; la mia configurazione con bombole in sacco che mi precedono mi ostacolano un po’, ad ogni ancoraggio devo posarle sul fondo ed ogni volta si alza una nuvola, ma proseguo; ormai Franco mi è dietro e penso che data la sospensione creata dal mio passaggio non vedrà nulla. Ad un certo punto ricollego la mia sagola con la vecchia, da qui in poi il filo è steso bene; riprendo il mio sacco con le bombole, il fondo comincia a risalire, seguo la cima e dopo una cinquantina di metri dall’ingresso mi ritrovo in una sala aerea. Le dimensioni sono di circa 6×3 m per una altezza di 4 m circa (stimate). C’è circa mezzo metro di acqua e il fondo è fangoso. Non c’è possibilità di uscire all’asciutto e sto pensando che fra poco comincerò a battere i denti dal freddo, nel frattempo arriva Franco. Facciamo due chiacchiere e mi indica già la prosecuzione ancora da esplorare, (mi chiedo perchè debba essere sempre io a fare da apripista??!!, in verità il primo è l’unico che vede qualcosa). Franco collega il mio filo all’ancoraggio e mi immergo (questa volta però metto le bombole sulla schiena si va molto meglio!), la visibilità è buona, scende abbastanza velocemente, il fondo e sempre di sabbia e argilla, appena ti muovi fai un polverone, riesco a fare tre ancoraggi poi il soffitto si abbassa, più un laminatoio che una strettoia, bisogna scavare ma penso che per oggi è sufficiente così, taglio il filo, mi giro e torno indietro nella nebbia. Adesso è il turno di Franco che scende per dare un’occhiata a questo secondo sifone fino alla strettoia. Dopo qualche minuto ritorna assicurandomi che spostando un po’ di sabbia si può passare, lui si è infilato con i piedi.

E’ ora di tornare indietro, l’acqua è un po’ sporca, quasi marrone…. cerco la sagola che ho ancora la testa fuori dall’acqua e mi immergo. Non vedo neanche le mie mani vado piano facendo attenzione a non perdere la sagola, ogni tanto sbatto da qualche parte, ho ancora le bombole sulla schiena, si va bene, ma appena arriverò in strettoia dovrò toglierle. Ci metto qualche secondo per realizzare che ci sono arrivato, non riesco a passare!!. Sposto le bombole in avanti avendo l’accortezza di non mollare il filo, ci metto un minuto forse due, qui un minuto sembra un’eternità, spingo il sacco e passo subito yeahhh. So che manca poco alla all’uscita e piano piano riemergo, vedo Maurizio che ci sta aspettando. Dopo un minuto sento le bolle di Franco e arriva anche lui.

Festeggiamo con un brodino caldo che sembra fatto dal migliore chef del mondo (Maurizio)!!

Diego

 

VAL DELL’ORCO ALLA RICERCA DELLA MINIERA PERDUTA

Scritto in Torrentismo da MIRKO | Nessun Commento »

Si sa che chi ama l’acqua in tutte le sue forme non sa resistere alla tentazione anche se piove da mesi e le piene aggiungono difficoltà all’attività (forristica) ma….. …leggi tutto… »

Campo Speleo 2014

Scritto in Esplorazioni, Eventi da clbarba | 1 Commento »

Ecco finito il campo e dopo la sorpresa del magazzino vuoto, del gruppo elettrogeno che non c’era dell’altro gruppo che si è piantato, dei tanti amici che ci sono venuti a trovare, quelli che sono rimasti fino alla fine, del cuoco risparmioso, di Gianlu, di Ivano di Giuliana, di Sandro e Simo, di Romano, Gianki e Elena e Giulio, Alberto e Luciana, Mauri e Stefania, Mirko e il grande speleo Enrico, Anna, Claudio e Leonardo, Mario, Andrea Pelliccia,Vitaliano detto Carsico e insomma di tutti quelli che c’erano anche Rocky, Argo, Leone….delle belle esplorazioni anche se pioveva di tutto questo di tutto ciò alla fine è rimasto solo questo…..

il resto è rock and roll

Ritorno al Gallo Cedrone,un’anno dopo.

Scritto in Eventi da Sgresenda | 5 Commenti »

Indossare l’imbrago dopo un’anno che era appeso alla trave di casa con tutti gli attrezzi è stato piuttosto emozionante,ma lo è stato molto di più tornare al Gallo,è stato piuttosto tranquillo l’approccio sebbene l’ultima mia uscita (entrata) in grotta risale all’inverno scorso al ramo dei salti in rana,non avevo tanto fiato allora figuriamoci oggi,ma con mio grosso stupore mi sono dovuto ricredere.Giulio dopo numerosi tentativi a farmi tornare la voglia di venire in grotta,dopo tante bestemmie per i tanti pacchi che gli ho tirato,stavolta mi convince e mi decido,così venerdì preparo lo zaino e l’attrezzatura,metto in carica le batterie del frontale e aspetto sera,appuntamento sotto casa alle 21:00,ovviamente capisco male come sempre e quando arriva mi accogo che l’appuntamento era per sabato,vabbè intanto ho già lo zaino pronto mi dico!Così si parte!Arriviamo in malga Fossetta,alcuni intenti a giocare a Jenga,altri che ciacolano,io mi tuffo subito di fronte al camino,fuori 8 gradi sicuri!Così dopo una notte quasi insonne per i vari solfeggi da strumenti a fiato del mio compagno di stanza,alle 8:00 sveglia e si parte,arriviamo all’ingresso.giulio arma l'ingresso …leggi tutto… »

BUSO DELLE ANGUANE – 29 Marzo 2014

Scritto in Speleosub da splash | 1 Commento »
ingresso grotta

ingresso grotta

Quest’anno le immersioni in grotta sono state penalizzate dal maltempo, ed è per questo che noi pochi speleo “umidi”, dobbiamo arrangiarsi a trovare delle alternative.

E’ così che abbiamo ripreso le esplorazioni al Buso delle Anguane, grotta situata a Castelvecchio vicino Valdagno (VI) in contrà Urbani di Sotto.

Si parcheggia in piccolo spazio che gentilmente un signore della contrà ci ha offerto.

 

Si scende seguendo una stradina sterrata molto pendente fino a …leggi tutto… »

Il Corso di Tecnica!

Scritto in Corsi, Eventi da Gianki | 1 Commento »

 

malga_bosco_secco_9ac093a071c772fcccace24da9c3b1f3Allora: il tempo è arrivato.
Da domenica 3 a domenica 10 a Malga Boscosecco in Altopiano di Asiago si terrà il 56° Corso di Tecnica della Scuola Nazionale di Speleologia CAI. …leggi tutto… »

Campo estivo Malga Fossetta

Scritto in Eventi da clbarba | 5 Commenti »
Questa sè la Malga Fossetta

Questa sè la Malga Fossetta

Anche quest’anno dal 11 al 17 agosto ci apprestiamo a organizzare il campo speleo a Malga Fossetta ( già presi contatti con il Malgaro tutto ok).
Il tempo sembra non essere propizio ma ci si prova….scopo del campo continuare le esplorazioni …leggi tutto… »

Schegge

Scritto in Non tutti sanno che... da clbarba | Nessun Commento »

Campigoletti (2025m, Altopiano dei Settecomuni detto di Asiago) la neve è ancora presente, ma dove ha lasciato scoperto il calcare che qui esiste in abbondanza, si possono trovare porzioni di vita come questa.
schegge.
La zona, è una delle più significative della prima guerra mondiale, dove migliaia di giovani ventenni hanno perso inutilmente la vita, dove ha ucciso più la fame e il freddo che le bombe,e a testimonianza dell’inutilità di tutto questo oggi sopra una scheggia rinasce la vita.

Diversamente Speleo

Scritto in Eventi da Gianki | 4 Commenti »

Sabato 5 luglio c’è stato Diversamente Speleo in Rana.Abbiamo avuto una grossa partecipazione da parte di tanti (Biosphaera, Incantamonte, S-Team,CNSAS, Comune di Monte di Malo, Antonio Danieli con il 3D,FSER..) e soprattutto abbiamo avuto una partecipazione massiccia di Speleologi da tutta Italia e di disabili: tra tutti sono stati contati accompagnatori+accompagnati(per difetto) in 120 presenze. Complimenti a tutti!

 

Foto 1

  …leggi tutto… »

SNAEFELLSLOCH

Scritto in Esplorazioni da Gianki | 2 Commenti »
Ecco l'ingresso

Ecco l’ingresso

Foto0057

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Alla fine ci sono riuscito: ieri siamo andati a vederci l’ormai mitico Snaefellsloch, la grotta che si apre a 2235 metri sotto la vetta di Cima 12 e che dunque mi sa che è l’ingresso più alto della Provincia

…leggi tutto… »