Giovedì sta a metà della settimana, è un giorno dedicato a Giove. E’ un giorno buono per le esplorazioni e così…Sieson.

A farla breve, Zeus o Giove che sia non ci ha portato fortuna (o forse sì??). Il meandro dove si stava scavando finisce in una forcella, a destra

chiude in frana e bisognerebbe passare lunghe giornate a spostare sassi in un posto angusto. A sinistra invece si potrebbe forse cercare un bypass sotto ad un’altra frana ma, come per l’altro ramo, la sostanza non cambia. Si potrebbe continuare a scavare all’infinito ma abbiamo altro per la testa.

Abbiamo tolto la linea e recuperato gli attrezzi di scavo che sicuramente ci serviranno in altri cantieri.

Giancoia detto anche il risalitore furibondo pronto per nuove fantastiche finestre verso il futuro

P.S.: ringraziamo l’anonimo gruppo di speleo che per molte uscite ci ha portato avanti il lavoro (senza dire una parola). Immagino che la loro frustrazione dopo essersi trovati in fondo a un meandro che perde l’aria tra i sassi sia stata tanta. 

Partecipanti all’uscita: Filippo e Giancarlo

Ad Maiora

Filippo