Sale e scende che poi ti prende

Scritto in Gite Speleo da splash 10 settembre 2018 | Nessun Commento »

Ecco. L’ho fatto. Dopo aver rimesso l’imbrago domenica scorsa è stata una settimana in crescendo. Mercoledì un giro in rana, giusto per stare ventre a terra e riprendere a sentire il freddo della roccia che penetra. Sabato un mini giro in palestra d’arrampicata, ritrovare un equilibrio fisico e mentale per poter passare in verticale certi punti difficili durante la progressione e infine ieri quando sommando tutto mi sono ritrovato ad una sessantina di metri dal suolo, sospeso su di una corda larga un centimetro ad iniziare nuovamente l’attività nel sottosuolo.

Lo Spiller è una grotta che si apre poco sotto la cima del Verena in Altopiano dei 7 Comuni. Ha una profondità di meno 395 metri nel punto massimo e varie diramazioni che ne fanno la cavità più importante del monte.

Eravamo in sette ieri e ci siamo divisi in due squadre, una in esplorazione verso il pozzo ottanta e una a fare pratica lungo la via principale. Io facevo parte della seconda e con me c’erano due nuovi ex corsisti: Simone e Giosué.

C’ho messo un po’ anche poco in realtà per riprendermi, dopo la prima scarica di adrenalina sulla testa del primo pozzo le sensazioni sono diventate più nitide. Ho fatto scorrere la corda dentro il discensore. Le mani sotto pronte a bloccare la corda, tenevo le gambe piegate come se fossero una molla e cercavo di rimbalzare lungo la parete.

Siamo scesi assieme sotto il limite che avevano raggiunto durante il corso, ero libero. Ho speso tempo per guardarmi attorno.

E’ stato bello.

La Cirenella

Scritto in Gite Speleo da Andrea B. 28 marzo 2018 | 2 Commenti »

Una sera in sede sento  Gianki che parla della Cirenella…è vicina, carina e didattica…fatta! Ci devo andare!!! Organizzo la prima uscita con la Benemerita e Nicola. Nevica. Abbiamo indicazioni approssimative e il punto gps è errato: …leggi tutto… »

La mia prima volta

Scritto in Esplorazioni, Gite Speleo da pelliccia 28 febbraio 2018 | 2 Commenti »

Sembro quasi un professionista 1

Domenica 18 febbraio.

Mossano, Vicenza.

Temperatura intorno ai 5° con vento e pioggia leggera a intermittenza.

 

La giornata perfetta per tornare all’Abisso Mangiaterra dopo una doverosa pausa di un anno dall’ultima volta qui.

 

L’obiettivo dell’uscita è molteplice: scavare sul fondo per cercare una prosecuzione, fare delle foto al pozzone finale, portare per la prima volta i nostri “cugini” del C.S. Proteo a visitare la grotta più profonda dei Berici e completare una risalita iniziata da Gianki.

Alla fine saremo addirittura in 11 a dividerci i compiti.

 

Il mio scopo è quello di completare la risalita con il Bot che mi farà da sicura (meglio che sia una persona di 100 kg ca che faccia sicura ad una di 70 che il contrario). …leggi tutto… »

QUANTE COSE SI POSSONO FARE DI GIOVEDI’ SERA…

Scritto in Gite Speleo da Mirko 15 luglio 2017 | Nessun Commento »

Ciao a tutti

Di seguito il riassunto dell’attività svolta nei giovedì sera degli ultimi 2 mesi, purtroppo non ho tenuto a memoria le date esatte e quindi perdonatemi se vado un po a caso… …leggi tutto… »

Collalto fa rima con?

Scritto in Gite Speleo da paolala 22 marzo 2017 | Nessun Commento »

selfie (3)Chicchirichiiiiiiiiii, sorge il sole.

Il gallo canta all’alba e mi ricorda che è arrivato il momento di svegliarmi. Benemerita svegliati! Su!

Mmhhuuaaaawww che sonno, sdu, ripiombo drammaticamente con la testa sul cuscino. Uff, non è possibile, ho appena sognato un gordo panino con cotto e stracchino. Il pensiero mi sveglia di soprassalto e corro in cucina a preparare il pranzo per oggi, fare una prima colazione e lanciare le ultime cose nello zaino.

Oggi vado in grotta con … booo …  sono in ritardo!!Com’è che se ciama la grotta? Anh si me ga dito, Collalto ecco! …leggi tutto… »

Mangiaterra – Colli Berici – Veneto – Italia

Scritto in Gite Speleo da Katia Zoncato 21 marzo 2017 | 2 Commenti »

Ancora una volta l’indomito Pelliccia ha organizzato per sabato 18 marzo un’uscita al Mangiaterra sui Berici.

Il nome è già un programma ma l’entusiasmo è comunque alto, per molti di noi si tratta di una nuova grotta da visitare insieme agli amici. Tempo di prepararci e subito ci addentriamo nel bosco alla ricerca dell’entrata. E’ una bella giornata, il clima è mite, diverse varietà di fiori adornano il bosco, chiaro segnale che la primavera è alle porte. I porfumi ci inebriano…. ah no scusate, la grotta.
Dicevo, individuiamo l’entrata e mentre Michela spiega ad Ade come fare il primo ancoraggio esterno sull’albero, Gianki e Pelliccia fanno vedere a me (Katia) e Marco (fluo) come posizionare un deviatore. Tutto pronto, si scende.
L’entrata è …leggi tutto… »

Spurga dei Ruari

Scritto in Gite Speleo da Adelida Pace 6 marzo 2017 | 1 Commento »
Pelliccia lega un albero

Pelliccia lega un albero

Sabato 25 febbraio, Pelliccia ci ha portati a fare un po’ di allenamento in corda nella grotta Spurga dei Ruari a Monte Magrè, Schio (VI).

All’ingresso della grotta Pelliccia ci fa ripassare un po’ di tecnica in corda, ci spiega e ci fa vedere anche come si arma una grotta: dal primo nodo che, in questo caso, si fa nell’albero vicino all’entrata della grotta (bolina semplice), ai nodi che si fanno nei vari frazionamenti (bolini doppi). Io (Ade), Andrea Bot e Mirko il Vigile lo ascoltiamo attentamente.

 

 

 

 

 

Comincia la discesa del primo pozzo da 40 mt, un bel …leggi tutto… »

Spiller

Scritto in Gite Speleo da Diego Massignan 9 dicembre 2016 | 2 Commenti »

Ecco il video che Frank ha realizzato allo Spiller

Diego

 

Spiller, ferro e acqua

Scritto in Gite Speleo da Gianki 15 agosto 2016 | Nessun Commento »

Domenica 31 luglio siamo stati all’Abisso Spiller, già Abisso di Busa Mas-ciara (e non Muschiara). I presenti erano: Michela, Simone, Gianki, un redivivo Nicola detto Burlanda e, notiziona, Maurizio che non tornava in questa grotta da ben 16 anni. p1060230 …leggi tutto… »

E’ in un giorno di pioggia che ti ho conosciuta …

Scritto in Gite Speleo da paolala 28 aprile 2016 | 6 Commenti »

Scosto le tende e mi si apre alla vista un cielo cupo gonfio di nuvole dense e pesanti. Deve aver piovuto tutta la notte, le strade sono bagnate e un vecchietto passeggia riparandosi sotto un grazioso ombrello colorato. Solitarie pennellate di luce in questo grigiore “pre-invernale”. È il 24 aprile.

La pioggia si fa via via più insistente, tic—tic–tic-tic tictictictictitictic, fino a sintonizzarsi con le lancette del mio orologio. Il mio sguardo cala sull’ora. E’ tardissimo! Dépeche-toi Paola!

“If you start me up..

If you start me up i’ll never stop

If you start me up..

If you start me up I’ll never stop

I’ve be running hot

you got me ticking gonna blow my top … na na na naaa … la la la laaaaaa….”

Sulle note dei Rolling Stones io e Giulio ci avviamo verso Caltrano. Il ritrovo con Michela è previsto per le 8.30 ma all’arrivo …leggi tutto… »