A volte ritornano.
Domenica scorsa siamo partiti in due squadre: Aquila Uno Figata Splash e Gianki, mentre in Aquila Due Boa Frank e Alrossi. Obiettivo Abisso del Corno di Campobianco, finalmente. Aquila Uno parte e arriva per prima nonostante il grave handicap della presenza a bordo di Fiagata detto Ciacola Infinita e si occupa di raddoppiare l’armo del Primo Pozzo così da consentire una uscita rapida alla truppa. Ci ritroviamo tutti all’ingresso dove forte è l’emozione per il buon Boa che ritorna a inoltrarsi nel Corno dopo tipo 50 anni più o meno dalla sua prima visita (mi pare). Tutti si ricordavano l’ingresso diverso, io me lo ricordo sempre così, Figata no se ricorda un casso, Splash non si esprime.P8080002.
La discesa è stata allegra e veloce, devo fare i complimenti a tutta la squadra che in realtà dimostra di essere pronta per grandi grotte e grandi gite, anche la famigerata Diaclasi Bagnata ci fa un baffo, come pure il successivo traverso teso ed espostissimo sopra il Vecchio Fondo. Poi meandrino e via per i pozzi dopo, ad un certo punto sono io che fermo tutti e suono la sirena delle pausa pranzo. Figata e Franchigna approfittano della pausa per farsi qualche altro pozzetto e affacciarsi sopra la mitica Sala Minestre. A pranzo ci ciucciamo via di tutto, panini enervitene noci minestra porcate varie se ci fosse stato un bel piatto de ossi de mas-cio.. Poi risalita con buon ritmo, sopratutto Franco che per essere + veloce lascia il sacco a Figata…per pochi metri!

Figata sguardo alla Rocco Siffredi

Figata sguardo alla Rocco Siffredi

. E poi cantando cori bulgari ci rifacciamo la Diaclasi fino ad un fondo pozzo dove Figata decide di infilarsi in un pertugio togliendosi tutta l’attrezzatura ma tenedo il cordino porta-sacco: bella storia! Sbuca di là dopo 1000 bestemmie e trova una bella sala, solo che dopo essere passato l’ingresso del meandrino crolla tutto e lui rimane di là isolato dal mondo e dagli amici! Che figata! Che peccato!!

Figata si infratta!

Figata si infratta!

Figata, bloccato dietro la frana, chiede disperatamente aiuto!

Figata, bloccato dietro la frana, chiede disperatamente aiuto!

Figata salvo!!!!

Figata salvo!!!!

Riemergiamo disarmando, la val Galmarara percorsa da nuvole sfilacciate ci saluta incantata, e il Corno ci dà l’arrivederci con un vento leggero che pare dire: alla prossima! Grazie ad Alberto e Luciana che ci hanno aspettato pazienti alle macchine, ci lanciamo alla mi-ti-ca pizzeria LAS VEGAS di Cesuna ormai pizzeria speleo per eccellenza e il resto è storia, luppolo e ricordi.
GRANDE CORNO – ALLA PROSSIMA !!!P8080040

Rider on The Storm

Rider on The Storm

CC BY-NC-ND 4.0 This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivatives 4.0 International License.