CUEVA DEL RIO LAVENTA Un lungo Viaggio Sotterraneo…

Scritto in Eventi da Mirko 18 Luglio 2019 | Nessun Commento »

Quando si legge o si sente raccontare di grotte tropicali immense…

Quando si guarda un documentario di esplorazioni al limite dell’impossibile…

Quando si pensa ad un viaggio in luoghi remoti al confine del mondo conosciuto…

Quando si immaginano e si sognano i racconti di Jules Verne…

 

Non ci si aspetta che prima o poi anche noi potremmo vivere un’avventura simile ma è quello che ci è successo…

 

Spedizione Speleologica Chiapas 2019… …leggi tutto… »

Il bivacco di Campo Gallina è utilizzabile!

Scritto in Eventi, Gite Speleo da Diego Massignan 10 Luglio 2019 | Nessun Commento »
Campo Gallina si trova sul versante ovest del Corno di Campo Verde, Asiago,a quota 1850m.
100 anni fa era la base logistica delle truppe austro ungariche che operavano sull’Altopiano, ora rimangono solo
gli spianamenti dove sorgevano le baracche delle truppe, delle cisterne per l’acqua, e la cosa piu’ importante, le strade
che sono ancora transitabili nonostante un secolo di abbandono.
Nel 1967 il Comune di Asiago fece costruire alcuni baiti per dare riparo ai pastori che portano le pecore quassu’
ancora oggi. Un baito anche a Campo Gallina che, dopo mezzo secolo di utilizzo, mostrava evidenti segni di degrado.
Il comune di Asiago ha concesso ad Albertino Libertini la possibilità di sistemarlo, narturalmente a sue spese.
Albertino, del Gruppo grotte Primiero, di cui è presidente, tesoriere, magazziniere e naturalmente socio.
Ed eccomi qua, aiutante tuttofare, a dare una mano: sfalcio ortiche, pittura pareti, stuccatura crepe, pulizia, mentre
Albertino si occupa della falegnameria, costruzione porta e panche, e del caminetto. Le marmotte ci stavano a guardare incuriosite.
Ci sono volute due uscite nel mese di luglio per completare l’opera, trasportando il materiale con il generoso Defender, previo autorizzazione al transito.
Adesso il bivacco è utilizzabile, 4 posti letto, per le ricerche speleo nella zona, ed era proprio questo lo scopo di tutto sto lavoro.
Un grazie ad Alberto che ci ha messo di tasca sua, e adesso cosa aspettiamo?
Mao e Albertino

IL VIPEROTTO

Scritto in Eventi da Diego Massignan 18 Maggio 2019 | Nessun Commento »

 

Con oltre due mesi di ritardo mi ritrovo a spremere le meningi per scrivere qualcosa su una strana uscita in grotta fatta a Faedo il 10 di Marzo, ancora in clima “festa della donna”. Siamo Io, Ade e Miki.

Ma per catturare la vostra attenzione inizierò dalla fine, dalla vera risposta alla domanda “perchè andare al Viperotto?”. Se siete appassionati della bruschetta, a fianco della chiesa di Faedo troverete un bar… ma cosa dico un bar! un Tempio della nobile arte della Bruschetteria che solo a pensarci mi parte la salivazione. Andateci, punto.

 

 

Dopo avervi ben motivati però, passiamo all’altra faccia della medaglia, appunto il Viperotto. Il suo nome dovrebbe già mettervi all’erta: siete proprio sicuri di volerci andare?

Ammaliati dalla subdola serpe vi ritroverete all’ingresso della grotta, che vi sembrerà anche invitante “Figo!” penserete all’inizio. Capirete solo all’uscita che farlo nel senso opposto è un po’ meno figo.

Verso il fondo della grotta poi vi attende una strettoia:
Ricordo la Ade che ci si infila e cerca di spiegarmi il modo migliore di affrontarla. Io la lascio parlare, ma ho già deciso che non ho neanche voglia di provarci. Cedo il passo alla Miki e giuro che anche a lei sono serviti alcuni minuti e svariate parolacce prima di riuscire a passare. Non dico che sia una strettoia impossibile (a patto di non avere la panza) ma un po’ da masochisti sicuramente si.

 

 

 

Per la risalita poi aspettatevi fango, tanto bel fango appiccicoso tipo Mangiaterra, con i bloccanti intasati da chiudere spingendo con le dita ad ogni tiro.

A parte questo la grotta dà soddisfazione, e mi è piaciuta davvero. Ci sono un paio di bei pozzi, profondi e anche larghi. E fossili di conchiglie e coralli veramente molto belli. Solo non fatevi ingannare dalle dimensioni, il Viperotto è piccolo ma velenoso.

 

 

 

 

 

Beh, velenoso per me. Le ragazze all’uscita erano fresche come mimose, solo un po’ infangate. Ma hanno subito provveduto andando al fiume a lavare i panni   🙂

 

 

 

 

 

Mirko_R

 

1° CORSO DI INTRODUZIONE AL TORRENTISMO

Scritto in Corsi da splash 16 Aprile 2019 | Nessun Commento »

Grotta dei Mulini di Alonte (VI) – Evento

Scritto in Eventi da Diego Massignan 5 Marzo 2019 | Nessun Commento »

 

https://www.facebook.com/events/1105660289626239/

Ritorno al passato

Scritto in Eventi da pelliccia 9 Febbraio 2019 | Nessun Commento »

E’ da un po’ di tempo che causa lavoro sono fuori dalle attività del gruppo grotte (G.G.G.T.)…..
Quindi mi è parsa un occasione da prendere al volo, quando sono venuto a conoscenza da parte di un amico, di un pozzo in un bosco a metà monte in località Vigne a Creazzo, che a suo avviso non è conosciuto, per ricontattare i miei compagni di avventura e allo stesso tempo togliere ruggine alle giunture.Ho fatto un sopralluogo per valutare l’attendibilità dell’informazione quindi ho messo al corrente la “Cioca” (Claudio B.).
Assieme a “Pelliccia” (Andrea) un sabato di fine dicembre 2018 dopo aver appurato l’assenza di tracce di eventuali esplorazioni e fatto le operazioni di rito, ci siamo calati dentro il pozzo.
E’ un fusoide di una dozzina di metri, leggermente inclinato che termina in una piccola saletta da cui partono due rami: uno verso l’interno del monte che chiude, l’altro segue una frattura del monte stesso con direzione Nord-Sud.
Questo ramo ha un andamento inclinato verso il basso di 45°e necessita di disostruzione…..
All’interno della cavità come fauna sono stati individuati alcuni pipistrelli (sembra ferro di cavallo) in letargo, un coleottero e alcune lumachine.
La grotta si presenta come tipicità delle nostre parti a eccezione di alcune concrezioni e di una piccola colata di calcite non pura. Dopo aver fatto dei piccoli filmati e foto siamo usciti e siamo andati a farci una birra.

Ecco di seguito un po’ di video della giornata:

Paganotto Clemente

Ad Alberto

Scritto in Eventi da pelliccia 3 Febbraio 2019 | Nessun Commento »

Ad Alberto Rossi

Domenica 16 dicembre 2018 siamo stati al “Buso Della Rana” a Monte Di Malo per posizionare una targa costruita dal “Druido” (Mario B.) in ricordo di Alberto Rossi venuto a mancare nel 2016, a seguito di una malattia.

Chi è Alberto Rossi?

Per chi non lo ha conosciuto Alberto Rossi era un dentista con la passione della speleologia, dell’arrampicata e di altre innumerevoli cose, amante dello studio e sempre alla ricerca di risposte.

Per chi ha avuto la fortuna di conoscerlo era un “Grande” con un cuore generoso, per Lui, il buon Mario ha costruito una targa di metallo in rilievo e la domenica sopra citata sono stato assieme al Gruppo Grotte Trevisiol e altri a posizionarla dinanzi al “Frankigna”a fianco del “Silvestro”.
E’ stata dedicata questa targa ad Alberto perché Lui era un protagonista delle esplorazioni in Rana. Ricordo un uscita con LUI in notturna assieme a Giuseppe Nassi (un altro Grande) nel 2009. Ci siamo arrampicati nel “Silvestro”perchè dovevamo controllare un buco nel soffitto non ancora visto. Il suo entusiasmo era trascinante per noi,un instancabile esploratore.

Dopo aver posizionato la targa abbiamo fatto un momento di raccoglimento e la madre di Anna (figlia di Alberto) lo ha ricordato con degli annedoti personali. Dopo di che tutti abbiamo bevuto dell’aranciata come usava fare sempre Alberto quando andava in grotta. Alcuni di noi, lo hanno ricordato con piccole esperienze personali vissute con Lui. Terminato,ci siamo incamminati verso l’uscita e mentre io causa impegni tornavo a casa con Mario, gli altri si sono ritrovati a casa di Maurizio per una spaghettata in compagnia.

Paganotto Clemente

I TESORI DELLA GROTTA DEI MULINI DI ALONTE – 1 FEBBRAIO 2019

Scritto in Eventi da Diego Massignan 25 Gennaio 2019 | Nessun Commento »

I TESORI DELLA GROTTA DEI MULINI DI ALONTE – Quando l’esplorazione diventa scoperta

Nella primavera del 2012 gli speleosub del Gruppo Grotte Trevisiol (CAI Vicenza) sono riusciti a superare un tratto sommerso della Grotta dei Mulini di Alonte. Oltre questo sifone, si sono aperti kilometri di gallerie di grandi dimensioni, del tutto inaspettate per il sottosuolo dei Berici. La Grotta dei Mulini di Alonte si è rivelata la grotta più lunga dei Colli Berici.

Il 1 Febbraio 2019 alle ore 20.45, presso  la Sala Consiliare –  Piazza S. Savina n.9,  Alonte (VI) 

 

TANZERLOCH il luogo dove danzano le streghe

Scritto in Eventi da Mirko 23 Gennaio 2019 | Nessun Commento »

Era una vita che non tornavo al Tanzerloch, magico luogo dell’altopiano dove una leggenda cibra narra che le streghe nelle notti di luna piena si ritrovassero per danzare. …leggi tutto… »

Il ritorno di Ciacola

Scritto in Eventi da pelliccia 22 Gennaio 2019 | Nessun Commento »

E bravo Ciacola che è riuscito a far organizzare la prima palestra 2019 del GGT!

Sebbene la giornata fosse particolarmente fredda, Pelliccia e La Benemerita coraggiosamente sono partiti presto per armare alcune calate nel Covolo di Valstagna.

Sono stati raggiunti poco dopo dai volenterosi Katia l’umida, La Squanfida (Michela), Albertino, Ciacola e Fenomeno che hanno  iniziato subito ad esercitarsi in corda.

Poco prima delle 11.30, con molta calma finalmente siamo arrivati anche noi, io (Ade), Angela, Aurora e Miguel con i viveri e tutto l’occorrente per poter fare una bella grigliatona e sfamare i soci GGT.

Nel mentre che io provavo ad accendere il fuoco nel caminetto, La Squanfida ha insegnato ad Aurora come si sale e si scende in corda, Albertino  ha allestito una risalita e ha fatto provare ai soci le varie tecniche, Fenomeno e Ciacola, sotto lo sguardo vigile del Presidente si sono divertiti a fare un po’ di esercizi, cambio corda e  passaggio del nodo compresi, Miguel ha insegnato a La Benemerita, Angela e Katia un po’ di groppi, finchè è arrivato il momento di mangiare.

Diciamo che abbiamo fatto una pausa pranzo un po’ lunga perché c’era tanta carne da mettere sul fuoco, tanto vino da bere e tante chiacchiere da fare.  Anche Frank e Alessandro (un amico torrentista di Albertino) sono  passati a salutarci e a fare un brindisi con noi.

Tuttavia qualcuno nel pomeriggio si è dato da fare lo stesso: La Squanfida, La Benemerita e Fenomeno hanno provato il contrappeso e i paranchi, Miguel ha aiutato Aurora ad andare in corda, Ciacola sebbene un po’ arrugginito, ha dimostrato di ricordare perfettamente come si usano gli attrezzi speleo divertendosi a salire e scendere tutte le corde allestite e qualcuno è rimasto tranquillamente seduto accanto al fuoco a godersi la bella giornata.

Poco prima del buio, ma soprattutto dopo aver finito la grappa di Albertino,  Fenomeno ha disarmato tutte le calate, in tutti abbiamo sistemato i sacchi e l’attrezzatura,  e ci siamo incamminati  col sorriso verso casa, ognuno col proprio sacco e con la consapevolezza di aver imparato qualcosa in più.

Ade